RSS Feed Fotovoltaico

  • Impianti fotovoltaici 2016 in Toscana Siena Firenze Grosseto Lucca Arezzo Prato Livorno Massa Carrara Pisa Pistoia: fotovoltaico di qualità superiore chiavi in mano

    Impianti Fotovoltaici nasce per informare al meglio il Cliente sull'impianto fotovoltaico che si sta accingendo a costruire, Impianti fotovoltaici ti aiuta a capire tutti gli aspetti del fotovoltaico in Italia....

  • Impianti Fotovoltaici in Scambio Sul Posto 2016 e Detrazioni Fiscali del 50% per tutto il 2016

     Impianti Fotovoltaici, Benvenuto nel sito dedicato al

    Fotovoltaico 2016

    Preventivi, Progettazione e installazione pannelli solariimpianti solari fotovoltaici chiavi in mano con detrazione fiscale del 50% per tutto il 2016

    Oggi e fino a tutto...

  • Numero Verde Fotovoltaico: Impianti Fotovoltaici Lightland 2016 sempre accanto a nuovi e vecchi Clienti

    Impianti Fotovoltaici Lightland: Per essere sempre più vicini ai clienti che vogliono realizzare un impianto fotovoltaico e per coloro che lo hanno già realizzato e necessitano di manutenzione o chiarimenti...

  • Impianti Fotovoltaici: Pannelli solari, impianti fotovoltaici e aziende: non sono tutti uguali

    Impianti Fotovoltaici nasce per informare al meglio il Cliente sull'impianto fotovoltaico che si sta accingendo a costruire, Impianti fotovoltaici ti aiuta a capire tutti gli aspetti del fotovoltaico in Italia. Impianti...

  • Impianti Fotovoltaici: Nuovi successi scientifici per Lightland

    Impianti Fotovoltaici nasce per informare al meglio il Cliente sull'impianto fotovoltaico che si sta accingendo a costruire, Impianti fotovoltaici ti aiuta a capire tutti gli aspetti del fotovoltaico in Italia. Impianti...

  • Impianti fotovoltaici Lightland: il Tuo impianto con pannelli solari fotovoltaici SunPower. Richiedi un preventivo.

    Impianti Fotovoltaici nasce per informare al meglio il Cliente sull'impianto fotovoltaico che si sta accingendo a costruire, Impianti fotovoltaici ti aiuta a capire tutti gli aspetti del fotovoltaico in Italia. Impianti...

  • Link

    Preventivi FotovoltaicoGold Link Directory NFO, NFO (Eng)Free Web Directory
    Including Renewable Resources, Offer automatic, instant and free directory submissions. Submission4U Free Directorymariorossi.itPosizionamento su Google, Directory Web, Segnala il tuo sito, l'iscrizione è gratuita!

    Caldaie a biomassa, caldaie a legna, caldaie a pellet, caldaie a cippato, stufe a biomassa in Toscana, Powered by Joomla!
    Overview centrale termica a biomassa, caldaie cippato caldaie pellet e legna
    Dettagli impianti a biomassa legnosa

    Gli impianti a biomassa solida quali ad esempio gli impianti costruiti attorno a  caldaie a cippato, le caldaie a  pellet e le caldaie a legna sono un sistema integrato di sub sistemi tutti in connessione tra loro. Nel leggere questo articolo potrai navigare tra le pagine del nostro sito e capire tutti i concetti di una moderna centrale termica a biomassa. Buon viaggio.

    impinato a biomassa gilles

    Il cuore della centrale termica è ovviamente la caldaia a legna, cippato o pellet. Da questa si ottiene l'energia termica per combustione della massa carboniosa di tipo legnoso. La caldaia a legna, la caldaie a cippato o la caldaia a pellet consta essenzialmente della: camera di combustione, dello scambiatore di calore, del sistema di approvvigionamento di aria (aria primaria e secondaria), del sistema di approvvigionamento di materiale legnoso (estrattore), dell'elettronica e della sonde lambda, e dei raccordi per l'acqua di mandata e di ritorno. La caldaia a biomassa è connessa all'impianto elettrico (da 220 Volt o 380 Volt), all'impianto idraulico e all'estrattore del materiale cobustibile (se la caldaia non è a legna). Nelle caldaie a legna è presente un vano per riporre la legna necessaria per circa un giorno di funzionamento a pieno regime. In tutte le caIdaie a biomassa legnosa moderne è possibile installare un modem per il controllo remoto delle funzioni, lo spegnimento e accensione della stessa. Infine le caldaie a pellete, cippato e legna moderne sono dotate di un sistema di estrazione delle ceneri dalla camera di combustione ad un apposito cassetto che permette all'utente finale di non dover scaricare la cenere ogni giorno.

    ll sistema di estrazione del combustibile, generalmente formato da una coclea per il trasporto del materiale legnoso, collega la caldaia a biomassa al silo. Il silo è un deposito di dimensioni variabili dove riporre il combustibile. Un silo ben dimensionato, se non limitato dagli spazi a disposizione, dovrebbe contenere tanto materiale quanto la caldaia è in grado di bruciare in 20-30 giorni di funzionamento ai massimi regimi di potenza.

    L'impianto idraulico connette la caldaia al puffer (che supponiamo essere sempre installato). Il puffer è sostanzialemtne un accumulatore di energia termica. Esso è spesso di forma cilindrica e può contenere da poche centinaia a migliaia di litri di acqua. L'acqua che è nel puffer viene scaldata dall'acqua della caldaia, cioè passando nello scambiatore cede energia all'acqua contenuta nel puffer. I due circuiti sono indipendenti e devono essere riempiti una sola volta (ovviamente vanno controllati i livelli).

    Dal puffer partono i circuiti idraulici di riscaldamento degli edifici quali: l'impianto idraulico dei termosifoni (circuito chiuso), dell'acqua acqua calda sanitaria (circuito aperto), e degli impianti radianti (circuito chiuso). Eventualmente, al puffer viene connesso un piccolo impianto termico solare per disporre di acqua calda sanitaria senza l'uso della biomassa (utile, in particolare, nel periodo estivo). La centrale termica a biomassa può essere connessa in parallelo alla vecchia caldaia a gasolio, gpl o metano. Questo accorgimento permette di poter usufruire di uno spunto di energia termica in più in caso di necessità.

    L'impianto idraulico oltre che essere composto da tubi e pompe è composto anche dal vaso di espansione. Questo è un sistema di sicurezza (il vaso di espansione aperto, oramai, è considerato obsoleto per gli attuali impianti a biomassa) per scongiurare danni nel caso in cui la temperatura dell'acqua superi livelli di norma (>95 gradi). Il vaso di espansione va montato per legge, ma le nuove caldaie sono regolate per autobloccarsi quando le temperature aumentano oltre i 92 gradi. Questo ovviamente non vale per gli impianti industriali dove si vogliono raggiungere temperature e pressioni alte (fino a 180 °C e 10 bar). La canna fumaria completa l'impianto.  Appare quindi evidente come sia necessario saper non solo assemblare il sistema ma saper dimensionare ogni singolo sub sistema secondo le esigenze specifiche, cioè rispetto all'edificio, alla geografia e agli usi del cliente. Solo considerando la realtà geografica e produttiva della zona dove si va ad installare un impianto sarà possibile ottenere la soddisfazione del cliente. Solo avendo come obiettivo strategico la promozione della  rete delle biomasse sarà possibile far affermare questa opportunità in ambiti diversi dal nord Italia. Solo in questo modo sarà possibile ottenere un impianto termico che permetterà di ottenere RISPARMIO, COMFORT ed ECOLOGIA.

    SE QUESTO TI HA CONVINTO CONTATTACI

     

    Il nostro Blog

    Partecipa al nostro Blog

    Blogger

    Seguici su Twitter

    Noi siamo su

    Banner
    New Energia il portale dell'energia alternativa, verde e non

    Visite

    Notizie flash

    RISPARMIO ENERGETICO A TUTTO TONDO (solare termico, fotovoltaico, geotermia, caldaie a condensazione, pompe di calore, puffer, 

     ventilazione domestica controllata e molto altro)? VISITA www.lightland-soluzioni-energia.it